Il progetto ha avuto una fase iniziale di sperimentazione a due anni di distanza l’una dall’altra: nel 2015 presso l’Hospice Tulipano dell’Ospedale Niguarda di Milano e nel 2017 presso L’Hospice Bassini di Cinisello Balsamo.
€0 donati
0 Donors

Il progetto, dopo una sospensione da marzo a settembre 2020 per la pandemia, è oggi attivo in presenza nell’Hospice Il Tulipano dopo una ripresa a partire dallo scorso ottobre. Nell’Hospice Bassini di Cinisello Balsamo, in seguito alla sua trasformazione in Hospice Covid, stiamo sperimentando sedute di musicoterapia in modalità a distanza perché riteniamo che le necessità dei pazienti non siano cambiate e che sia fondamentale, in questo periodo buio, dare un messaggio di continuità e normalità.

Da dove nasce l’idea del progetto

In entrambe le strutture la proposta di un intervento musicoterapico all’interno dell’Hospice è nata dall’idea di poter usare il suono e la musica come elementi caratterizzanti una situazione terapeutica nuova, stimolante, orientata al miglioramento della qualità di vita. Attraverso l’elemento sonoro ci si è proposti di instaurare una relazione libera e spontanea tra musicoterapista e malato, tra il malato e i suoi familiari, ma anche fra il malato e se stesso.

Come è evidente dalla letteratura, la musicoterapia è una modalità creativa ed innovativa per incontrare le necessità multidimensionali del malato terminale e dei suoi cari poiché la musica può raggiungere anche chi non è in grado di verbalizzare necessità e sentimenti.

Nello specifico, gli obiettivi che si intendono raggiungere sono:

  • proporre un’attività, che insieme alle pratiche assistenziali quotidiane, concorra al raggiungimento del benessere e della qualità di vita;
  • dare la possibilità di esprimere emozioni in un ambito non giudicante;
  • creare uno spazio in cui l’individuo possa avere un’esperienza diversa della sua condizione di malato;
  • attraverso il suono e la musica proporre canali comunicativi rivolti all’esterno e a se stessi;
  • coinvolgere amici e familiari per creare un terreno comune che faciliti l’incontro e lo scambio;
  • fornire agli operatori dell’Hospice nuovi spunti e strumenti per entrare in contatto con la storia del malato.

Il progetto si colloca all’interno di un lavoro di equipe consolidato: la presenza del musicoterapista arricchisce il team dell’Hospice, già composto di professionalità differenti, per operare in modo multidisciplinare e garantire un piano di intervento il più possibile personalizzato.

Le sedute sono ‘proposte personalizzate’ che si integrano nel percorso musicale già avviato dall’Hospice con il progetto de i “Pomeriggi Musicali” in corso dal dicembre 2010.

Descrizione dell’intervento musicoterapico

Il musicoterapista entra in contatto con il paziente, già preselezionato dagli infermieri dell’Hospice e dalla psicologa, attraverso colloqui conoscitivi con il malato stesso o con i familiari, nel caso di un sua impossibilità di parlare.

Una volta raccolte le informazioni necessarie e definiti gli obiettivi dell’intervento strettamente collegati alla condizione fisica e psicologica del malato, inizia la terapia vera e propria, che è unica per ogni singolo individuo, graduale e libera di modificarsi in corso d’opera.

Dopo una presentazione e conoscenza iniziale del paziente, in cui fare emergere gli interessi, i gusti musicali, le potenzialità e capacità d’interazione e la disponibilità ad esplorare e suonare strumenti musicali, il musicoterapista propone tecniche differenti:

  • ascolti che si adeguino e sviluppino i gusti musicali del malato, con la possibilità di verbalizzare quanto percepito durante l’esperienza di ascolto,
  • esperienze d’improvvisazione musicale libere da ogni schema formale ed estetico, per promuovere la comunicazione, la relazione e l’espressione emotiva,
  • composizione di canzoni/musiche per se stesso, per i suoi familiari, per l’equipe.

Le sedute si svolgono nella camera del malato, quando non è possibile spostarsi, o nel soggiorno, dotato di un pianoforte.

Gli incontri possono prevedere la presenza di familiari, se gradita al malato e se interessati. La durata delle sedute individuali è variabile, da un minimo di 30 minuti ad un massimo di 45, in base alla disponibilità e alla reale possibilità del malato a partecipare.

Il musicoterapista documenta tutto quello che avviene durante la seduta utilizzando una scheda tecnica di accertamento e raccolta dati e, al termine, stila note dettagliate che riportano l’andamento della seduta ed i  risvolti affettivo – emotivi che in essa si sono sviluppati.

L’intervento musicoterapico all’interno è di un pomeriggio alla settimana in ognuno dei due Hospice da destinare a sedute settimanali individuali o collettive per un totale complessivo di 4 ore.

La figura del musicoterapista

Il musicoterapista è un osservatore e un compagno, un interlocutore e un musicista, un ponte tra il suono e la persona, qualcuno con cui condividere il silenzio e l’ascolto, una persona estranea con cui esperire la relazione che nasce dal suono. Egli porta la sua storia musicale e la mette a disposizione del paziente, cercando di creare un’atmosfera sia stimolante sia rassicurante, uno spazio in cui terapista e paziente vivono e condividono lo stesso presente

Nel nostro progetto le sedute nei due Hospice sono gestite dallo stesso musicoterapista.

 

La tua donazione
Informazioni
Metodo di pagamento
Scegli il metodo di donazione
Termini e Condizioni

Privacy

Una Mano alla Vita Onlus (con sede legale in Via Ippocrate 45, 20166 Milano, C.F. 97050230156, email: umav@unamanoallavita.it tel: 0233101271) rispetta la tua privacy e si impegna ad utilizzare i dati personali in conformità con il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, reperibile sul sito garanteprivacy.it

I dati personali vengono raccolti quando viene compilato ed inviato un modulo, ad esempio, per l’iscrizione alla nostra newsletter o per eseguire una donazione. Tipicamente includono nome, email, indirizzo e i dati di pagamento se hai deciso di sostenerci con una donazione, una tantum o con cadenza periodica.

I dati saranno trattati solo dal personale e da collaboratori dell’Associazione Una Mano alla Vita Onlus o da imprese espressamente nominate come Responsabili del Trattamento, sia con modalità di contatto tradizionali (posta cartacea e telefonate mediante operatore su numerazione fissa e mobile) che automatizzate (posta elettronica, SMS).

Finalità del trattamento
Raccogliamo i dati esclusivamente per attività finalizzate al perseguimento degli scopi statutari dell’Associazione e, in particolare, per:
rispondere a richieste di informazioni, aggiornare su iniziative istituzionali, eventi, progetti realizzati e in corso, inviare la newsletter e il materiale informativo in formato cartaceo e digitale, coinvolgere nelle nostre attività di volontariato, promuovere campagne di sensibilizzazione e di raccolta fondi, gestire operazioni amministrative e contabili connesse alla donazione.

I dati potranno essere trattati per attività di profilazione mirate a personalizzare le comunicazioni informative e di raccolta fondi, in funzione della preferenza di sostegno e delle informazioni registrate.

Conservazione e protezione dei dati
I dati trasmessi saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità del trattamento sopra indicate, salvo eventuale revoca o per adempiere ad obblighi di legge. 

Non venderemo le tue informazioni a organizzazioni terze, e non condivideremo le informazioni personali con terze parti per il loro beneficio.

Comunicazione dei dati a soggetti terzi
I dati saranno comunicati a terzi esclusivamente per dare corso all’operazione richiesta (ad esempio, per permettere le transazioni necessarie alla donazione, saranno messi a disposizione degli istituti di credito o di emissione di carte di credito, nonché PayPal e Stripe) e per consentire l’invio del materiale informativo, previo consenso. Se ci si iscrive alle nostre newsletter, gestite con i servizi di VOXmail, l’indirizzo email sarà memorizzato sui loro server e sulle nostre copie di backup, e sarà utilizzato per aggiornare l’utente solo sulle nostre iniziative, nel rispetto di tutti i criteri di sicurezza e riservatezza.

Qui si può leggere l’informativa di VOXmail sul trattamento dei dati.

Cookie
Questo sito web utilizza cookie tecnici, di profilazione e di terze parti per migliorare l’esperienza di navigazione, tracciare statistiche di traffico in forma anonima e aggregata (Google Analytics), raccogliere informazioni, previo consenso, sui gusti, abitudini, scelte dell’utente affinché  possa ricevere messaggi promozionali, ad esempio su Facebook o mentre si effettuano ricerche su Google, solo in linea con gli interessi dell’utente stesso (retargeting).

Come esercitare i tuoi diritti sui tuoi dati
In ogni momento, si può chiedere la consultazione, la rettifica, la cancellazione, la limitazione del trattamento dei propri dati personali scrivendo un’email a umav@unamanoallavita.it

Si può altresì esercitare il diritto di sporgere reclamo ad un’autorità di controllo e segnatamente al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: garanteprivacy.it

Per informazioni sul trattamento dei dati, contattare il Responsabile della Protezione dei Dati, nominato ai sensi dell’art. 37 del Regolamento Europeo 2016/679, chiamando allo 0233101271 o inviando una mail a umav@unamanoallavita.it